banner
Centro notizie
Esperienza impressionante nella progettazione grafica.

Qual è la pietra del destino?

Jun 27, 2023

Per quanto riguarda gli oggetti storici in pietra, non penseresti che un blocco di arenaria opaca da 335 libbre attirerebbe molta attenzione. Quando si tratta di reliquie dei pesi massimi, la Stele di Rosetta o uno degli Aghi di Cleopatra è molto più grande e probabilmente più conosciuta in tutto il mondo.

Tuttavia, la Pietra del Destino scozzese si è giustamente assicurata un posto nella storia, poiché questo grosso pezzo di roccia è più di un artefatto dei tempi antichi: è un'icona sacra, un trofeo di sanguinose guerre e conquiste e un parafulmine politico. E per migliaia di anni ha svolto un ruolo sacro nella formazione di re e regine, il fondamento simbolico su cui sono state costruite le monarchie.

Ricerche più recenti hanno gettato nuova luce sulle origini leggendarie della pietra, il che potrebbe togliere parte del suo mistero. Ma la scienza non può sminuire nulla della sua vivace storia, né il suo potere come oggetto di venerazione e tradizione. Ecco cosa sappiamo della Pietra del Destino.

La leggenda della pietra inizia con la Bibbia. Secondo l'Antico Testamento, il profeta Giacobbe si addormentò e fece un sogno divinamente ispirato di angeli che salivano e scendevano una serie di gradini che conducevano al cielo: la famosa visione della scala di Giacobbe. Meno noto, ma certamente menzionato nel Libro della Genesi, è che Giacobbe ebbe la visione mentre poggiava la testa su una pietra. Quando si svegliò, eresse quella pietra come sacro memoriale della sua sacra visione.

Il cuscino di pietra di Giacobbe, è stato a lungo affermato, era la Pietra del Destino.

Non per diffamare le credenze dei devoti più ardenti della pietra, ma a questo punto probabilmente vale la pena menzionare un paio di fatti. In primo luogo, è stato dimostrato che l’oggetto che oggi conosciamo come Pietra del Destino, chiamata anche Pietra di Scone, è un tipo di arenaria rossa di 400 milioni di anni, che non è originaria della Palestina, dove Giacobbe aveva la sua visione.

Questo particolare tipo di arenaria rossa è però comune in Scozia, soprattutto vicino alla città di Scone nel Perthshire. Ciò è stato confermato ancora una volta in una recente analisi effettuata nell’ambito di un progetto per creare una scansione 3D all’avanguardia della pietra, che l’ha resa con un dettaglio senza precedenti. Tienilo a mente per dopo.

Per saperne di più: Chi erano i misteriosi "corpi nella palude" scozzesi?

Nel frattempo, nei tempi antichi, la leggenda della Pietra del Destino afferma che la pietra proveniva dalla Terra Santa e alla fine arrivò in Irlanda nel VII secolo a.C. Lì era conosciuta come Lia Fail - gaelico per "pietra del destino". ." (Tuttavia, in Irlanda esiste ancora una Lia Fail completamente diversa; la sua storia apocrifa è spesso confusa con quella della Pietra di Scone.) Si suppone che la pietra fosse collocata sulla sacra collina di Tara, dove veniva usata nelle cerimonie per incoronare i re. d'Irlanda per quasi 1.500 anni.

Nel IX secolo, si diceva che i Celti avessero portato la pietra dall'Irlanda in una terra che chiamavano Alba, che noi conosciamo come Scozia. Finì nella città medievale di Scone, che divenne un centro del potere reale. Lì, la pietra continuò a funzionare come reliquia sacra e sede per l'incoronazione dei re scozzesi. Lulach fu il primo re registrato a sedersi sulla pietra, nell'XI secolo, e qui la leggenda inizia a fondersi con fatti storici documentati.

Nel 1296 Edoardo I d'Inghilterra - i fan del cinema lo conoscono come "Edward Longshanks", l'antagonista altamente romanzato del film epico storico del 1995 Braveheart - prese la pietra come bottino di guerra durante la prima guerra di indipendenza scozzese. Alla fine finì nell'Abbazia di Westminster, dove Edward fece costruire una sedia speciale appositamente per contenere la pietra. Questa sarebbe diventata nota come la Sedia dell'Incoronazione, sulla quale si dice che ogni monarca inglese si sia seduto durante la propria incoronazione, da Enrico IV nel 1399 a Carlo III nel 2023.

Per saperne di più: Rimpatrio del patrimonio rubato da parte dell'FBI

Ma la pietra venne rubata ancora una volta, il giorno di Natale del 1950. I nazionalisti scozzesi – quattro studenti dell’Università di Glasgow – fecero irruzione nell’Abbazia di Westminster attraverso una porta laterale non sorvegliata. La sicurezza in quell'epoca di fiducia era tutt'altro che ermetica, o forse si credeva semplicemente che nessuno potesse trasportare un blocco da 335 libbre fuori da uno degli edifici più famosi d'Inghilterra senza che qualcuno se ne accorgesse.