banner
Centro notizie
Esperienza impressionante nella progettazione grafica.

Frigoriferi e lavastoviglie imballati in plastica riutilizzabile? Cattiva idea, dice l’industria

Jul 05, 2023

Di Frédéric Simon | EURACTIV.com

05-06-2023 (aggiornato: 05-06-2023 )

Notizie Basate su fatti, osservati e verificati direttamente dal giornalista, oppure riportati e verificati da fonti informate.

Sottoscritto/Supportato Prodotto con il sostegno finanziario di un'organizzazione o di un individuo, ma non approvato dal sottoscrittore prima o dopo la pubblicazione.

Secondo la proposta della Commissione, il 90% degli imballaggi utilizzati per i grandi elettrodomestici deve essere “reso disponibile in imballaggi di trasporto riutilizzabili” entro il 2030, quando verranno immessi per la prima volta sul mercato dell’UE. [ZikG/Shutterstock]

Lingue: tedesco

Stampa E-mail Facebook Twitter LinkedIn WhatsApp Telegram

Secondo la proposta di legge sui rifiuti di imballaggio proposta dalla Commissione Europea, entro il 2030 i grandi elettrodomestici dovranno essere trasportati quasi interamente utilizzando imballaggi riutilizzabili, una mossa ampiamente messa in discussione dagli attori della filiera.

Il regolamento UE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio (PPWR), presentato nel novembre dello scorso anno, mira a ridurre le scatole e gli involucri non necessari, promuovendo al tempo stesso il riciclaggio e il riutilizzo.

La proposta, attualmente all'esame del Parlamento Europeo e degli Stati membri dell'UE prima dell'eventuale adozione, ha causato preoccupazione nel settore della vendita al dettaglio e della logistica, che sta ancora analizzando le implicazioni degli obiettivi di riutilizzo proposti dalla Commissione.

Ma anche il settore degli elettrodomestici deve far fronte a grattacapi.

Secondo la proposta della Commissione, il 90% degli imballaggi utilizzati per i grandi elettrodomestici deve essere “reso disponibile in imballaggi di trasporto riutilizzabili” entro il 2030, quando verranno immessi per la prima volta sul mercato dell’UE.

Il mandato è contenuto nell'articolo 26.1 del progetto di regolamento, che stabilisce obiettivi di riutilizzo per gli imballaggi utilizzati nel trasporto di "grandi elettrodomestici" come frigoriferi, lavatrici, asciugatrici, ventilatori elettrici o condizionatori d'aria.

Tuttavia, se tale obiettivo abbia senso è aperto al dibattito.

Il provvedimento "costituisce una notevole fonte di preoccupazione per il nostro settore", ha affermato Paolo Falcioni, direttore generale di APPLiA, associazione di categoria che rappresenta l'industria degli elettrodomestici in Europa.

Secondo APPLiA, l’imballaggio per i grandi elettrodomestici deve essere funzionale e protettivo, per garantire che il prodotto non venga danneggiato fisicamente o dall’umidità durante il suo viaggio dal produttore al rivenditore ed infine al consumatore.

Gli imballaggi tipicamente utilizzati per questo scopo includono pallet, reggette di plastica, scatole di cartone e avvolgimenti di pallet, alcuni dei quali "non possono essere riutilizzati a causa di vincoli tecnici", ha affermato APPLiA.

"Ad esempio, l'avvolgimento del pallet può danneggiarsi o contaminarsi con materiali che non possono essere adeguatamente puliti, rendendoli inutilizzabili per spedizioni future. In altri casi, il riutilizzo potrebbe essere possibile, ma il costo e la complessità della restituzione dell'imballaggio al produttore possono renderlo impraticabile", ha detto Falcioni a EURACTIV nei commenti via email.

APPLiA non è la sola a sollevare preoccupazioni sugli obiettivi riutilizzabili per gli imballaggi da trasporto.

La FEFCO, la federazione europea dei produttori di cartone ondulato, afferma che la proposta potrebbe porre enormi problemi al settore della logistica e della vendita al dettaglio nel suo complesso, che attualmente utilizza scatole di cartone ondulato usa e getta per la protezione.

"L'intero settore della vendita al dettaglio sarà influenzato", ha affermato Eleni Despotou, direttore generale della FEFCO.

Nel caso dei grandi elettrodomestici, la FEFCO afferma che ci sono “poche o nessuna prova” che le opzioni di imballaggio riutilizzabili esistenti – essenzialmente casse di plastica – possano essere ampliate per soddisfare la domanda dell’intero mercato dell’UE.

Inoltre, le casse di plastica dovrebbero avere forme e dimensioni standardizzate, con il risultato di un imballaggio eccessivo per i prodotti che non rientrano nelle scatole disponibili, sostiene FEFCO.

In ogni caso, le ragioni per un cambiamento non sono stabilite, sostiene, affermando che gli imballaggi in cartone ondulato vengono già utilizzati in un’applicazione quasi a circuito chiuso con tassi di riciclaggio elevati, soprattutto quando si tratta di imballaggi per il trasporto.