banner
Centro notizie
Esperienza impressionante nella progettazione grafica.

Finti barattoli di caffè compaiono sugli scaffali dei supermercati di Londra durante la crisi del costo della vita

May 29, 2023

30 maggio 2023, 11:31 | Aggiornato: 31 maggio 2023, 00:42

Di Asher McShane

Un supermercato ha deciso di mettere sugli scaffali finti barattoli di caffè solubile per scoraggiare i taccheggiatori durante la crisi del costo della vita.

Una londinese ha condiviso una foto della sua cooperativa locale che vende barattoli di caffè solubile Kenco Smooth e Nescafe Gold Blend.

Sui barattoli è stata applicata un'etichetta con la scritta "Questo prodotto è un manichino. Non in vendita. Chiedi aiuto a un membro dello staff".

Il Kenco Smooth costa £ 10,50 per un barattolo da 200 g e il Nescafe Gold £ 9,35 per la stessa dimensione.

L'immagine è stata pubblicata online con la didascalia: "il costo della vita ha raggiunto nuovi livelli, la mia cooperativa locale è ora uno show room di generi alimentari. Inoltre, sono presenti annunci periodici da parte della sicurezza informatica che le loro telecamere ti stanno guardando. desolante.

Gli aumenti dei prezzi nei supermercati hanno toccato il massimo storico a maggio, anche se l'inflazione alimentare è leggermente scesa

Ascolta e iscriviti a Unprecedented: Inside Downing Street su Global Player

"Molte persone sono ossessionate da questi prezzi... Nemmeno io pagherei mai dieci sterline per questo, ma sicuramente la cosa più allarmante è l'improvviso bisogno di questa folle cartolarizzazione, una funzione della crescente povertà."

Ma oggi ci sono stati segnali che il rapido aumento dei prezzi dei prodotti alimentari potrebbe aver raggiunto il suo picco poiché un'indagine sui prezzi nei negozi ha suggerito che sarebbero diminuiti tra aprile e maggio.

Secondo un sondaggio condotto dal British Retail Consortium (BRC) e da Nielsen, l'inflazione alimentare è scesa al 15,4% nel corso dell'anno fino a maggio.

Era in calo rispetto al 15,7% di aprile.

Si tratta ancora di una cifra incredibilmente alta, il che significa che una persona che un anno fa spendeva circa 20 sterline in un negozio di alimentari, ora pagherebbe poco più di 23 sterline per gli stessi articoli.

Questa è una media, quindi il numero esatto dipenderà da ciò che hanno acquistato.

Anche se i dati di maggio sono leggermente inferiori a quelli dell'inflazione alimentare osservati ad aprile, si tratta comunque del secondo incremento annuale più rapido mai misurato dal BRC.

Ha aggiunto che il prezzo degli alimenti freschi è aumentato del 17,2% nell'anno fino a maggio, in calo rispetto al 17,8% di aprile.

Tuttavia, l’inflazione degli alimenti a temperatura ambiente – vale a dire gli articoli stabili che possono essere conservati a temperatura ambiente – è aumentata dal 12,9% di aprile al 13,1% di maggio.

L'inflazione complessiva nei negozi è salita dall'8,8% al 9% tra aprile e maggio, ha riferito la BRC, raggiungendo il massimo storico.

"Mentre l'inflazione complessiva dei prezzi di vendita è aumentata leggermente a maggio, le famiglie accoglieranno con favore l'inizio del calo dell'inflazione alimentare", ha affermato l'amministratore delegato della BRC Helen Dickinson.

"Il rallentamento dell'inflazione è stato in gran parte determinato dai minori costi dell'energia e delle materie prime che hanno iniziato a filtrare fino ai prezzi più bassi di alcuni beni di prima necessità, tra cui burro, latte, frutta e pesce.

"Al contrario, il prezzo del cioccolato e del caffè è aumentato a causa dei costi globali elevati per questi prodotti. Mentre l'inflazione non alimentare è aumentata, i consumatori stanno beneficiando di forti sconti su calzature, libri e intrattenimento domestico.

"La forte concorrenza tra i supermercati ha contribuito a mantenere il cibo britannico tra i più economici tra le grandi economie europee.

"Anche se c'è motivo di credere che l'inflazione alimentare potrebbe raggiungere il picco, è fondamentale che il governo non ostacoli questi primi progressi accumulando maggiori costi sui rivenditori e aumentando ulteriormente il costo dei beni.

"Il rischio maggiore deriva da politiche come i controlli alle frontiere in entrata e le riforme sulle tariffe per il riciclaggio degli imballaggi".

Mike Watkins, responsabile retailer e business insight presso NielsenIQ, ha dichiarato: "Per contribuire a mitigare l'impatto dell'inflazione, gli acquirenti stanno risparmiando denaro cercando promozioni stagionali nelle strade principali e approfittando delle riduzioni di prezzo offerte dai programmi fedeltà dei supermercati.

"La vendita al dettaglio di prodotti alimentari in particolare è competitiva, quindi si spera che i recenti tagli dei prezzi degli alimenti freschi siano un segnale che l'inflazione ha ormai raggiunto il picco, anche se l'inflazione ambientale potrebbe richiedere un po' più di tempo per rallentare."

Gli aumenti dei prezzi nei supermercati hanno toccato il massimo storico a maggio, anche se l'inflazione alimentare è leggermente scesa Ascolta e iscriviti a Senza precedenti: Inside Downing Street su Global Player